Digita qui per ottenere risultati di ricerca!

S’intitola "Ionùda" la raccolta d’esordio della poetessa Mariangela Maio

Inizia la collaborazione artistica fra la poetessa Mariangela Maio e la WOMEN LABEL- Female Label & Arts, la quale ha trovato nelle parole dell’opera prima dell’artista, un’esplosione di emozioni e tensioni legate alla femminilità, così vicine al concept di WOMEN LABEL.

Questa collaborazione vuol mettere in luce le doti autorali della poetessa, portando di nuovo all’attenzione dei media la sua opera prima, pubblicata nell’estate del 2020.

 

S’intitola Ionùda la raccolta d’esordio della poetessa

di Capaccio Paestum (SA).

Il titolo dell’opera, pur essendo un neologismo che rimanda all’atto proprio di chi scrive, è stato in realtà concepito come nome proprio di donna o meglio di un’entità femminile primordiale che attinge le sue sembianze dalla cultura popolare meridionale, alla quale s’intrecciano elementi di contemporaneità, riferimenti alla mitologia greca e sfumature noir.

Ionùda è l’archetipo della donna amputata: ogni lirica è una radiografia dell’Io dopo la perdita dell’altro o di sé, sentita a livello emotivo come abbandono e a livello fisico come amputazione. L’opera si sviluppa nel suo dinamismo, attraverso l’evoluzione fisiologica della parola che si autorigenera. Sono tangibili, infatti, le varie fasi di questa evoluzione: l’amputazione, la ferita, la cicatrizzazione. Ma un corpo non investe soltanto in dolore. La riscoperta di sé conduce a forme e sensi nuovi, esplorazione che si spinge oltre, fino a raggiungere l’incorporeità intesa come libertà totalizzante. Quella totalità perduta e, in uno stato di grazia, ritrovata. La scrittura è intensa, febbrile, un investimento del corpo in ogni singolo istante.

«La mia scrittura è sempre dettata da un impulso, l’unico spazio che ha il testo per funzionare è quello emozionale. In Ionùda ho cercato di ricreare un meccanismo, un ingranaggio il più simile possibile a quello di un corpo umano, che poi tanto perfetto non è. Ogni lirica si incastra con l’altra divenendo unità corporale, la cui vitalità risiede nella capacità della scrittura di autorigenerarsi». (Mariangela Maio)

 

Mariangela Maio, di Capaccio Paestum, studia Giurisprudenza all’Università degli Studi di Salerno. È curatrice della rubrica musicale “L’indipendente, in collaborazione con Il Commendatore Magazine.

Ionùda, edita nel 2020 per Dialoghi Edizioni (Gruppo Editoriale Utterson), è la sua prima raccolta di poesie. L’opera è stata tradotta presso l’Università di Oxford e ripubblicata sul “Volume XV, Number 2, Fall 2020” del Journal of Italian Translation, rivista accademica internazionale del dipartimento di Lettere Moderne dell’Università di Brooklyn (NY), nella sezione "Voices in English from Europe to New Zealand" a cura di Marco Sonzogni.

Nel luglio 2021 Ionùda II, lirica che ha dato il nome alla raccolta, è arrivata terza al Premio Internazionale di Poesia Poseidonia Paestum.

La raccolta vanta la collaborazione del poeta Pasquale Quaglia, che ne ha curato la prefazione e dell’artista Marco Vecchio, che ha prestato alla copertina l’opera d’arte “Totemica”.

 

Tags

Below Post Ad