Digita qui per ottenere risultati di ricerca!

Luca Breuza: quando l’amore “Non è follia”


Ed ecco che torna la canzone ad annaffiare il più nobile dei sentimenti… la follia, il romanticismo, le imprese d’amore… l’uomo passa anche e soprattutto da qui nonostante l’omologazione imperante di questi tempi che vogliono codificare e circoscrivere in un terreno sicuro anche questi fuori pista. E in qualche modo ci porta indietro all’adolescenza degli anni ’80 e ’90 nonostante i suoni digitali di questo futuro: Luca Breuza ci racconta di come l’amore “Non è follia”, titolo di questo Ep e title track del disco che porta con se anche un bel video a corredo. Noi premiamo play e ci lasciamo incantare dalla trasparenza di una semplicità pop decisamente ricca di sensibilità.
 
L’amore si coniuga non solo nei confronti del proprio partner ma tu lo dirigi, se non ho capito male, anche nei riguardi di un genitore, di una famiglia… vero?
Assolutamente si, l’amore in tutte le sue forme. All’interno del mio disco, ogni brano, tratta un amore “diverso”.
 
Per te cos’è l’amore?
Per me l’amore è tante cose: io penso che con la persona che troviamo o che abbiamo al nostro fianco, sia importante essere, amici, confidenti, amanti e molte altre cose. La condivisione e la fiducia verso il proprio partner è fondamentale. Ecco cos’è per me l’amore.
 
Posso dirti che è uno di quei rarissimi casi in cui non si parla di pandemia pur essendo nato in questo tempo? Viene da chiedersi… perché?
Beh, di pandemia e di tutto quello che è connesso se ne già parlato molto, forse fin troppo, quindi io preferisco che chi ascolta la mia musica per un momento possa distrarsi e pensare ad altro; una sorta di “viaggio con la mente” per uscire dai soliti schemi che la società ci impone.
 
Chi è diventato Luca Breuza dopo un disco così ricco di immersione spirituale e privata?
Sono un ragazzo di 34 con le idee ben chiare di cosa vuole continuare a fare e ci sono ancora tante cose che ho da dire e che voglio condividere con tutti voi.

Tags

Below Post Ad